• News

    Punto A9 ISBP 745 ICC: un chiarimento

Punto A9 ISBP 745 ICC: un chiarimento
Pubblicato in data 30.08.2017

Punto A9 ISBP 745 ICC: un chiarimento

 
Il punto A9) delle ISBP 745 ICC recita quanto segue: “The use of multiple type styles, font sizes or handwriting within the same document does not, by itself, signify a correction.

Quanto enunciato non è da intendersi come possibilità di riportare indicazioni, nei documenti richiesti in utilizzo di un credito, utilizzando “multiple type styles, font sizes or handwriting”, ma ha il solo scopo di chiarire che tali indicazioni non necessitano della "correction approved" in quanto un diverso carattere tipografico o una scrittura a mano non hanno natura di correzione delle dichiarazioni riportate dal   documento sul quale compaiono. Questo enunciato quindi non legittima l'uso di diverso carattere tipografico o di scrittura a mano la cui presenza va valutata caso per caso in relazione al contesto.
 
Infatti:
 
Una LC richiede: “BL made out to the order, indicating freight paid and LC number.”
 
1° scenario: Viene presentata una BL, che riporta correttamente il numero della LC, emessa "TO THE ORDER" con l’indicazione “freight paid” riportata “by handwriting”. 

In questo caso la scritta a mano "Freight paid" senza "correction approved" è valutata inaccettabile in quanto “A requirement in the credit for the amount of freight paid to be shown in the bill of lading will be expected to be completed by the issuer of the bill of lading. Insertion of this information, by hand, on the bill of lading brings into question the integrity of such information. Therefore, it would be expected that the issuer of the bill of lading will authenticate this information as stated in ISBP 745 paragraph A7 (b) (i). In the absence of such authentication, the bill of lading would be considered discrepant." La discrepanza non nasce dalla scrittura a mano, ma dalla capitale importanza della informazione in essa contenuta che deve potersi riferire senza dubbio all'emittente del documento. Da ciò la necessità della "correction approved". Infatti il documento nasce senza la dicitura richiesta dal credito e viene poi "corretto" a mano.  (Opinion ICC TA823rev disponibile in allegato)
 
2° scenario: Viene presentata una BL, che riporta correttamente “freight paid”, emessa "TO THE ORDER" e con il n. della LC riportato “by handwriting”.

In questo caso il documento rimane conforme in quanto “the request for insertion of L/C numbers is usually at the instigation of the issuing bank, to facilitate the collation of documents when one or more go astray. The insertion of the L/C number by handwriting does not detract from the purpose of the bill of lading and would not be considered a correction or alteration of information requiring authentication by the issuer of the bill of lading.” (Opinion ICC TA823rev disponibile in allegato). Qui, benchè richiesto dal credito, si trattava di un dato totalmente inessenziale. La Commissione Bancaria ha dichiarato non riserva la sua assenza anche se tale dato viene richiesto dal credito.

Domenico Del Sorbo
Trade & Export Finance Specialist

Allegato

ALTRE NEWS